Circuiti d’affari locali

In considerazione del fatto che la cooperazione è stata l’argomento più urgente e desiderato nell’indagine sullo sviluppo rurale dell’estate 2015 e che la cooperazione intersettoriale viene data la massima priorità anche dai membri della Piattaforma per il rurale, la Piattaforma ha lanciato un progetto sui cicli economici locali in due comuni pilota (Silandro e Glorenza) con il sostegno della Camera di Commercio dall’estate 2018.

L’obiettivo è quello di creare un ciclo locale basato sulla cooperazione intersettoriale che abbraccia l’intera catena del valore e rafforza l’identità regionale coinvolgendo gli interessati.

“Riunirsi è un inizio, stare insieme è progresso, lavorare insieme porta al successo”.  Henry Ford

Nel progetto pilota biennale (2018-2020) saranno dapprima analizzate le iniziative già esistenti nel campo dei cicli locali e saranno intervistate le persone interessate, siano essi clienti o uomini d’affari, nei due comuni pilota o in Val Venosta. Inoltre, le parti interessate di tutti i settori dell’economia si riuniranno con la comunità pilota in una tavola rotonda e visiteranno le migliori pratiche nelle regioni limitrofe.

Il progetto, lanciato inizialmente nel 2018 con il nome di “Lokale Kreisreise der Wirtschaft – KiWi” (Circuiti d’affari locali – KiWi), è in corso dall’estate 2019 con il nome di FLOW (Förderung Land Orte Wirtschaft) con il sostegno della Camera di Commercio. Tra le altre cose, sono stati sviluppati piatti tipici locali e, nell’ambito del test pilota, è stato aperto un pop-up store sia a Silandro che a Glorenza con prodotti locali.

Studio sulle motivazioni migratorie di donne e uomini nelle zone rurali

Allo stesso modo, dall’estate 2019 è in corso un nuovo studio come parte indipendente. Sulla base dello studio WIFO sulle motivazioni delle persone altamente qualificate a trasferirsi da e per l’Alto Adige e del progetto FSE “Gehen oder Bleiben” (andare o stare) sul Deutschnonsberg in merito alle motivazioni delle donne, le motivazioni specifiche di genere relative al soggiorno, al trasferimento o all’immigrazione, soprattutto nelle zone rurali dell’Alto Adige, saranno analizzate e comprovate mediante indagini qualitative. Oltre alle motivazioni delle donne, si esamineranno separatamente anche le motivazioni degli uomini nelle zone rurali e si analizzerà la compatibilità della famiglia e della carriera come motivo di codecisione per quanto riguarda il soggiorno, la partenza o il trasferimento. Accompagnando lo studio, saranno organizzati eventi di sensibilizzazione con il coinvolgimento dei datori di lavoro delle zone rurali, che offriranno alle donne in particolare una prospettiva di carriera (anche in posizioni dirigenziali) compatibile con la vita familiare.

Lo studio comprenderà anche un viaggio di formazione con gli attori dell’Alto Adige nei paesi limitrofi su un esempio di best practice riguardante le donne che occupano posizioni di rilievo nel mercato del lavoro o nella società rurale.

Logo_camcom_IT

This post is also available in: Tedesco, Inglese