Successo di adesioni al Concorso per un Alto Adige più vivibile

Il concorso “Insieme per il futuro”, indetto per la prima volta da Casse Raiffeisen e Piattaforma per il rurale, ha ottenuto un’ampia risonanza. Obiettivo del concorso, che ha raccolto 51 candidature di privati, aziende e associazioni in tutta la provincia, è quello di promuovere progetti sostenibili e innovativi per un Alto Adige più vivibile. Nelle prossime settimane, i progetti saranno visionati ed esaminati da una giuria di esperti, che ha constatato subito l’elevato numero di iniziative riguardanti il tema delle energie alternative. Tra i candidati spiccano anche alcune società cooperative, a dimostrazione che sono tra le forze innovative trainanti della nostra provincia.
“Siamo molto soddisfatti dei numerosi e interessanti progetti pervenuti: ciò testimonia il grande potenziale di persone e aziende motivate e attente alla sostenibilità in Alto Adige”, ha affermato con convinzione Robert Zampieri, direttore generale della Federazione Cooperative Raiffeisen. “Pertanto, è essenziale che queste iniziative godano del necessario sostegno, sia nell’ambito del concorso, sia in modo continuativo attraverso partner locali del calibro di Raiffeisen”.
“Le numerose candidature attestano che le aree rurali, in particolare, sono sinonimo di spirito innovativo e varietà: il supporto e la visibilità offerti a queste nuove realtà, siano esse start-up, PMI, associazioni o cooperative, daranno un contributo alla futura vitalità di tali aree”, ha aggiunto Ulrich Höllrigl, direttore di Piattaforma per il rurale.
I tre vincitori del concorso saranno annunciati e premiati nel corso di una cerimonia serale, che si terrà il 30 marzo 2023. Il montepremi ammonta a 30.000 euro.

comunicazione stampa: convegno autunnale “Il nostro villaggio multigenerazionale”

Il nostro villaggio multigenerazionale

L’interazione tra le generazioni è stata al centro della conferenza autunnale di quest’anno della Piattaforma per il rurale nella Fortezza di Franzensfeste. Una delle richieste è stata quella di integrare maggiormente le strutture e i servizi esistenti per bambini, famiglie e anziani in una visione olistica.

Il mondo sta cambiando: ciò riguarda anche la cura dei bambini, il mondo del lavoro o la vita in età avanzata. Soprattutto nelle aree rurali, è necessaria una maggiore interazione tra i diversi gruppi di età per contrastare il cambiamento demografico. “Iniziative come quella delle case multigenerazionali potrebbero essere la soluzione”, ha spiegato Andreas Schatzer, presidente della Piattaforma per il rurale. Ciò che è significativo, ha detto, è soprattutto il valore aggiunto che una struttura di questo tipo apporta.  “Perché oltre al vantaggio strutturale, si rafforzano soprattutto le relazioni sociali e si creano posti di lavoro”, ha sottolineato Oswald Mair, direttore dell’Associazione delle residenze per anziani dell’Alto Adige.

Armin Bernhard, presidente della Cooperativa dei cittadini di Obervinschgau, ha sottolineato nel suo discorso di apertura l’importanza del coinvolgimento delle persone in strutture come le cooperative di anziani o di cittadini.

Un esempio positivo già esistente è il “Leonhards.Zentrum” in Val Passiria, dove sono stati allestiti un centro giovanile, un caffè gestito da volontari e una sala polifunzionale per vari eventi. Secondo Konrad Pamer, direttore dell’Ufficio per la gioventù, i dati sull’utilizzo parlano chiaro: circa 1.300 persone utilizzano la struttura al mese per incontri con gli anziani, workshop, riunioni di club e molto altro ancora – e questo su una popolazione totale di circa 9.000 persone.

Altre iniziative di successo sono state presentate dalla cooperativa sociale di assistenti all’infanzia, KVW-Arche e dal Jugendring dell’Alto Adige, dove, ad esempio, gli asili nido per bambini sono situati accanto alle case di riposo o dove i giovani si dedicano alla cura degli anziani in estate.
Un altro progetto lanciato della Piattaforma per il rurale si chiama “COWORCare“. L’obiettivo del progetto è creare una piattaforma informativa online che mostri gli spazi di co-working nella regione alpina in combinazione con le offerte di assistenza ai bambini e agli anziani. Per l’assessore provinciale Waltraud Deeg, in Alto Adige stanno già nascendo molte iniziative a sostegno di queste forme di convivenza tra generazioni, come ad esempio la casa multigenerazionale di Truden. In questo caso, il quadro giuridico è ancora necessario per far decollare tali investimenti.

La Piattaforma per il rurale ha sottolineato l’importanza di rivitalizzare i centri cittadini. Pertanto, gli edifici pubblici sfitti potrebbero essere utilizzati in futuro per circoli per anziani, asili nido e spazi polifunzionali multigenerazionali.

“Gli alloggi a prezzi accessibili sono particolarmente importanti per i giovani”, ha spiegato Tanja Rainer, presidente del Jugendring, durante la discussione. Soprattutto l’economia nel suo complesso è chiamata a investire in questa direzione. Georg Lun, direttore del WIFO presso la Camera di Commercio, ritiene che questa sia un’opportunità soprattutto per l’industria delle costruzioni.
Insieme alle Casse Raiffeisen dell’Alto Adige, la Piattaforma per il rurale ha lanciato un concorso di idee in cui gli interessati possono presentare un progetto innovativo per lo sviluppo sostenibile fino al 31 dicembre. In palio ci sono premi per un valore complessivo di 30.000 euro.

Prima dell’inizio dell’incontro, i partecipanti hanno visitato il cantiere del BBT, che dovrebbe essere completato ed entrare in funzione nel 2031/32. Spostando molti trasporti sulla ferrovia, le strade altoatesine dovrebbero essere alleggerite dal traffico, creando così un valore aggiunto per tutte le generazioni.

Concorso: “Insieme per il futuro. Siamo alla ricerca del progetto più innovativo per un Alto Adige vivibile.”

Con il presente concorso, le Casse Raiffeisen dell’Alto Adige insieme a “Piattaforma per il rurale” intendono promuovere alcuni innovativi progetti sociali, ecologici ed economicamente sostenibili a favore delle aree rurali e urbane in provincia di Bolzano. L’obiettivo è quello di fornire maggiore sostegno alle iniziative che possono portare a una trasformazione sostenibile dell’economia, al fine di contribuire a una mitigazione della crisi climatica e ai problemi associati: innovazione e sostenibilità garantiscono un valore aggiunto e posti di lavoro di qualità, arginando l’esodo della popolazione altoatesina. Gli organizzatori del concorso, fortemente radicati nelle aree urbane e rurali in provincia di Bolzano, attribuiscono massima importanza a uno sviluppo regionale sostenibile e, pertanto, hanno deciso di premiare le idee innovative sviluppate in Alto Adige e a favore del suo territorio.

DAL 1° OTTOBRE SARÀ APERTO IL MODULO PER MANDARCI IL TUO PROGETTO: Raiffeisen Insieme per il futuro
I premi si ammontano in totale a 30.000 €
Comunicato stampa

Webinar sulle comunità energetiche – 8 settembre – presentazioni e registrazione

L’attuale situazione politica e l’avanzare dei cambiamenti climatici impongono più che mai una transizione energetica, che rappresenta una grande sfida per tutti noi. Nelle regioni limitrofe, le comunità energetiche svolgono quindi un ruolo sempre più importante. Tuttavia, l’espansione delle energie rinnovabili in connessione con le comunità energetiche è un campo nuovo per l’Alto Adige. Per discutere delle opportunità e delle sfide delle comunità energetiche in Alto Adige, la Piattaforma per il rurale organizzava un webinar sul tema “Comunità energetiche” giovedì 8 settembre 2022 come evento collaterale delle Giornate della sostenibilità 2022.

Oltre a una presentazione sul ruolo dei comuni nelle comunità energetiche, sono stati presentati vari esempi concreti di comunità energetiche da Germania, Austria e Italia. Il dibattito conclusivo si è concentrato sulla domanda “Come si realizza una comunità energetica in Alto Adige?”.

  1. Il ruole dei comuni sulle comunità energetiche_Patrucco
  2. Kurzfilm „Photovoltaikanlagen auf Mehrfamilienhäusern – wie funktioniert das?“
  3. WGE – Grätzl Energiegemeinschaft
  4. progetto RECOCER

La registrazione dell’evento si trova qua: Webinar “Comunità enegertiche” 8.9.2022 – YouTube