Concorso: “Insieme per il futuro. Siamo alla ricerca del progetto più innovativo per un Alto Adige vivibile.”

Con il presente concorso, le Casse Raiffeisen dell’Alto Adige insieme a “Piattaforma per il rurale” intendono promuovere alcuni innovativi progetti sociali, ecologici ed economicamente sostenibili a favore delle aree rurali e urbane in provincia di Bolzano. L’obiettivo è quello di fornire maggiore sostegno alle iniziative che possono portare a una trasformazione sostenibile dell’economia, al fine di contribuire a una mitigazione della crisi climatica e ai problemi associati: innovazione e sostenibilità garantiscono un valore aggiunto e posti di lavoro di qualità, arginando l’esodo della popolazione altoatesina. Gli organizzatori del concorso, fortemente radicati nelle aree urbane e rurali in provincia di Bolzano, attribuiscono massima importanza a uno sviluppo regionale sostenibile e, pertanto, hanno deciso di premiare le idee innovative sviluppate in Alto Adige e a favore del suo territorio.

DAL 1° OTTOBRE SARÀ APERTO IL MODULO PER MANDARCI IL TUO PROGETTO: Raiffeisen Insieme per il futuro
I premi si ammontano in totale a 30.000 €
Comunicato stampa

Webinar sulle comunità energetiche – 8 settembre – presentazioni e registrazione

L’attuale situazione politica e l’avanzare dei cambiamenti climatici impongono più che mai una transizione energetica, che rappresenta una grande sfida per tutti noi. Nelle regioni limitrofe, le comunità energetiche svolgono quindi un ruolo sempre più importante. Tuttavia, l’espansione delle energie rinnovabili in connessione con le comunità energetiche è un campo nuovo per l’Alto Adige. Per discutere delle opportunità e delle sfide delle comunità energetiche in Alto Adige, la Piattaforma per il rurale organizzava un webinar sul tema “Comunità energetiche” giovedì 8 settembre 2022 come evento collaterale delle Giornate della sostenibilità 2022.

Oltre a una presentazione sul ruolo dei comuni nelle comunità energetiche, sono stati presentati vari esempi concreti di comunità energetiche da Germania, Austria e Italia. Il dibattito conclusivo si è concentrato sulla domanda “Come si realizza una comunità energetica in Alto Adige?”.

  1. Il ruole dei comuni sulle comunità energetiche_Patrucco
  2. Kurzfilm „Photovoltaikanlagen auf Mehrfamilienhäusern – wie funktioniert das?“
  3. WGE – Grätzl Energiegemeinschaft
  4. progetto RECOCER

La registrazione dell’evento si trova qua: Webinar “Comunità enegertiche” 8.9.2022 – YouTube

Relazioni e communicazione stampa della settimana dello sviluppo interno 2022

Qui potete trovare le presentazioni della Settimana dello sviluppo interno 2022 della Piattaforma per il rurale:

La Comunicazione stampa settimana dello sviluppo interno 2022 è disponibile anche qui.

Settimana dello sviluppo interno 2022 – 1°- 4° Agosto

La Piattaforma per il rurale organizzerà nuovamente la Settimana dello sviluppo interno dall’1 al 4 Agosto in diverse località dell’Alto Adige:

  • Lunedì 1.8. Egna, Haus Unterland – ore 18.00-21.00 “Dal abbandono alla prosperità” – SHELTER
  • Martedì 2.8. Tesimo, edificio polifunzionale accanto al municipio – ore 17.00-20.00 “Consultazioni sulla ristrutturazione in termini concreti”
  • Giovedì 4.8. viaggio di istruzione ore 8:00 – 18:00 da/per Bolzano (Consorzio dei Comuni) a Chiusa, Nova Levante, Nova Ponente e Trodena “Sviluppo del comune e gestione degli edifici vuoti”.

L’iscrizione (via e-mail a: info@plattformland.org) è necessaria solo per il viaggio d’istruzione entro il 25.7. Altrimenti l’accesso è libero per tutti gli interessati.

Programma della settimana dello sviluppo interno

 

The comeback – delle aree rurali – conferenza annuale

Dopo anni difficili, segnati dall’emigrazione e da svantaggi strutturali, le zone rurali stanno festeggiando un ritorno. I motivi sono le iniziative che hanno aumentato l’attrattività della periferia e la pandemia di Corona. Tuttavia, le aree rurali si trovano ad affrontare sfide importanti, è stata la conclusione della conferenza annuale della Piattaforma per il rurale sul tema “Futuro delle aree rurali”.

Per molti anni, la migrazione della popolazione ha conosciuto una sola direzione: dalla campagna alla città. Ora si nota una nuova tendenza: sempre più cittadini vogliono andare in campagna, e non solo dopo la pandemia di Corona, dove le persone hanno riscoperto la qualità della vita rurale”, ha dichiarato il presidente della Piattaforma per il rurale Andreas Schatzer, aprendo la conferenza annuale. Per mantenere l’attrattiva, ha detto, c’è ancora bisogno di posti di lavoro interessanti, di alloggi a prezzi accessibili, di servizi funzionanti e di una buona accessibilità sotto forma di internet veloce e di un sistema di trasporto pubblico ampliato. Grazie a nuove forme di lavoro, come l’home office o il coworking, e a Internet veloce, alcuni svantaggi localizzativi delle aree rurali potrebbero essere compensati. Alcuni esempi sono stati presentati da Thomas Egger, direttore del Gruppo di lavoro svizzero per le aree montane. Internet a banda larga, app per il car pooling o acquisti 24 ore su 24 nel negozio del paese aumentano la qualità della vita e superano le distanze. I villaggi di montagna diventerebbero così villaggi di montagna “intelligenti”.
Nonostante le prospettive positive per il futuro, le sfide per le aree rurali sono grandi, ha ricordato il direttore generale della Piattaforma per il rurale Ulrich Höllrigl. Le aree montane, in particolare, sono sottoposte a una pressione crescente a causa del forte utilizzo dello spazio, soprattutto nei settori delle infrastrutture e del tempo libero. È quindi necessario trovare un equilibrio tra uso e conservazione. Il compito più grande, tuttavia, è probabilmente il cambiamento climatico, ha sottolineato Manfred Miosga dell’Università di Bayreuth. “Non è più sufficiente ottimizzare i processi. Ciò di cui abbiamo urgentemente bisogno è una profonda trasformazione verso lo sviluppo sostenibile”. Le aree rurali devono diventare adattabili e a prova di crisi. È quindi necessario un nuovo modo di pensare e un cambio di prospettiva: la vecchia “normalità” non funziona più. Una rapida espansione delle energie rinnovabili e la preparazione a eventi meteorologici straordinari sono molto importanti. “La resilienza, la capacità di adattarsi ai cambiamenti e di rimanere comunque funzionali, deve diventare un elemento centrale dello sviluppo rurale”.
Hinterstoder, in Alta Austria, ha conosciuto uno sviluppo impressionante. 30 anni fa è stato avviato un processo di sviluppo per rendere la comunità più attraente. Ad esempio, sono state costruite nuove strutture come un centro eventi o un museo. Anche le piazze sono state ridisegnate e sono stati creati spazi verdi. Uno degli obiettivi era la mobilità dolce. Allo stesso modo, sono stati effettuati investimenti per lo sviluppo del turismo. Nel 2018 gli sforzi sono stati premiati con il Premio europeo per il rinnovamento dei villaggi. “Lo sviluppo del villaggio non ha dato frutti solo dal punto di vista economico, ma ha anche portato a uno sviluppo demografico positivo e a un aumento della qualità della vita”, afferma l’ex sindaco Helmut Wallner. Per uno sviluppo di successo del villaggio, è importante essere aperti a nuove idee, coinvolgere esperti esterni, fare rete e puntare sulla qualità anziché sulla mediocrità. “Ma è particolarmente importante coinvolgere i cittadini nel processo decisionale e portarli con noi.
L’EURAC e la Plattformper il rurale hanno condotto un sondaggio online per scoprire quali temi sono importanti per le aree rurali dell’Alto Adige. Nei prossimi mesi verranno approfonditi tre temi, ha spiegato Philipp Corradini dell’EURAC. “Il sondaggio ha dimostrato che i trasporti e il clima, l’abitazione, i prodotti regionali e i cicli interessano i cittadini. Pertanto, anche in questo caso vengono presi in considerazione progetti di fari”.
Hermann Atz dell’istituto di ricerca d’opinione Apollis ha analizzato il consumo di suolo in Alto Adige. La conclusione: in Alto Adige si stanno ancora sigillando molti terreni. “Il consumo di suolo e lo sviluppo della popolazione non sono direttamente correlati. Si può concludere che anche le infrastrutture di trasporto, il turismo e il commercio sono responsabili del consumo di suolo, e non solo la costruzione di abitazioni”.
Anche per Theresa Haid di Vitalpin il turismo deve affrontare grandi sfide. Alcuni esempi sono la sostenibilità, i trasporti o la carenza di lavoratori qualificati. Questi problemi devono essere risolti con l’innovazione.
Il dibattito finale della conferenza annuale di Plattform Land è stato entusiasmante. Per la consigliera provinciale Maria Hochgruber Kuenzer, il programma di sviluppo comunitario offre un’opportunità unica per plasmare la comunità e l’area rurale insieme alla popolazione. Per Christa Ladurner dell’Alleanza per la Famiglia, l’assistenza all’infanzia (dai neonati all’assistenza pomeridiana) è una sfida centrale per i prossimi anni. Sono necessarie nuove soluzioni; il sistema attuale è troppo rigido. Una delle principali carenze è che le donne nei comitati sono troppo poche.
Per mantenere l’attrattiva delle aree rurali, sono necessarie offerte di mobilità combinate (treno, autobus, car-sharing, e-bike) e internet veloce. Inoltre, Irene Senfter dell’Ökoinstitut auspica una maggiore indipendenza energetica. In termini di mobilità, molto è stato fatto negli ultimi anni, ma sono ancora possibili miglioramenti.
Per il presidente dell’assoimprenditori Heiner Oberrauch, lo spazio rurale è il luogo del desiderio di domani. Le aree rurali beneficeranno anche di nuove tendenze, come il lavoro indipendente dalla sede. Le aziende agricole devono continuare ad avere opportunità di sviluppo. Ciò che serve, tuttavia, è uno sviluppo a valore aggiunto: da più a meglio.
E cosa trattiene i giovani in campagna? Il paesaggio, la comunità del villaggio, la famiglia, la casa e le opportunità di lavoro sono importanti, ha ricordato Tobias Stecher del Servizio giovani dell’Alta Val Venosta. E dopo tutto, i giovani sono il futuro – e naturalmente anche il presente. Il vicepresidente della Piattaforma per il rurale Leo Tiefenthaler ha espresso la convinzione che le aree rurali acquisteranno sempre più importanza. La Piattaforma per il rurale continuerà a lavorare per l’attrattività delle aree rurali e per la tutela del terreno.

Foto: Tobias Stecher (Servizio Giovani Alta Val Venosta), Irene Senfter (Ökoinstitut Südtirol), Maria Hochgruber Kuenzer (Consigliera provinciale), Christa Ladurner (Alleanza della Famiglia) e Heiner Oberrauch (Associazione Imprenditori Alto Adige) hanno discusso i temi chiave per un territorio rurale forte.

Più informazioni sul sito in tedesco.